COSA FARE IN MARTINICA: TRA SPORT E DOLCE FAR NIENTE

Martinique Anse Michel Cap Chevalier

La Martinica è una perla dispersa nel mar dei Caraibi ed una destinazione facile da organizzare. Quest’isola caraibica appartendo alla Francia, fa dunque parte nell’Unione Europea, non necessita di visti d’entrata, si può visitare con la sola carta d’identità, pagare in Euro e non pensare ad adattori della corrente. E non è tutto. L’isola misura solo 80km di lunghezza e 39km in larghezza, è quindi facilmente visitabile anche per un “breve” soggiorno.

Ma cosa si può realmente fare in Martinica? Quali sono le maggiori attività sportive o le spiagge più belle da vedere?

Ecco una mappa che riassume alcune delle cose da fare!!

Attività sull’isola

🌋         Vulcano
🚶‍     Trekking
💨🏄‍♂️    Kitesurf
🏄‍♂️          Surf
⛱️         Spiaggia
🐢         Snorkeling

Martinica Placeholder
Martinica

Di seguito trovi la lista dei contenuti dell’articolo diviso in vari capitoli che ti indicano le migliori attività che puoi fare in Martinica. A te di scegliere quella che preferisci.

1. TREKKING

Tra le cose da fare in Martinica ci sono sicuramente i trekking. Passeggiando lungo le coste o avventurandosi nelle colline e montagne dell’entroterra, quest’isola ha molto da offrire. Ecco un lista dei sentieri che ho percorso e alcune informazioni pratiche.

La boucle du Vauclin ou randonnée Trou cochon

Martinique Pointe du Vauclin

Il sentiero parte dal “Château de Paille” che si trova vicino alla sede dell’UCPA dove troverai un parcheggio per lasciare la macchina. Questo trekking ti farà percorrere la costa di questa penisola passando per tutte le sue insenature (Anse Simon, Anse Maroquet), fino ad arrivare alla punta du Vauclin. Qui, immersi tra i cactus giganti, avrete una bella vista del villaggio.

Continuando il percorso giungerai prima ad un punto panoramico, “il belvedere”, ed in seguito al famoso Trou Cochon. Per arrivarci dovrai avventurarti sulla spiaggia fino ad arrivare alla mangrovia.

Da lì conituerai per un’altra mezz’ora circa raggiungendo il punto di partenza.

Informazioni pratiche
Livello
  • Facile, adatto a tutti.

Durata
  • circa 2h

Distanza
  • 6,5km

Dislivello +
  • 162m

Presqu’île de la Caravelle

Martinique presquile de la caravelle

Il sentiero parte dal “Parking du Château Dubuc“. Due sentieri sono possibili, uno corto ed uno più lungo. La vista più bella si ha facendo percorrendo la costa della penisola, ed è per questo che ti consiglio vivamente di prendere la “grande boucle”.

La camminata alterna dei momenti in cui percorri la costa con splendidi punti di vista panoramici, a momenti in cui ti ritrovi dentro la foresta. A questo proposito un’avvertenza è d’obbligo : non toccare e non trovare riparo (qualora piovesse) sotto le mancelliniers perché sono alberi tossici.

Durante il trekking avrai la possibilità di allungare il trekking andando fino al faro (circa 30min di marcia supplementare) o ancora poter visitare le rovine del “Château Dubuc”.

Questo trekking ti farà anche passare per la Baie du Trésor, insenatura molto bella raggiungibile solamente a piedi e per questo resta ancora ben preservata.

Informazioni pratiche
Livello
  • Medio

Durata
  • circa 3h30-4h

Distanza
  • 8km

Dislivello +
  • 250m

Montagne Pelée

Martinique Montagne Pelee

La Montagne Pelée è un vulcano attivo che raggiunge i 1.395m. Vari sentieri sono disponibili per raggiungere la vetta, è infatti possibile partire da Prêcheur (Sentier de la Grande Savane), da Grande Rivière, da Macouba o dal primo rifugio sito a 820m sulla “Motagne Rouge” (Sentier de l’Aileron). E’ quest’ultimo itinerario che ti descrivo di seguito.

Il sentiero parte dal “Parking de l’Aileron” e ben indicato. Dopo poco il cammino si inerpica per 1km circa in una salita ripida fino a raggiungere una biforcazione. Qui avrai sia la possibilità di andare a destra verso il “secondo rifugio”, sia proseguire a sinistra verso il “terzo rifugio” e fare il tragitto al contrario. Io ti consiglio vivamente di scendere a sinistra poiché questa parte del trekking è senza dubbio la più dura ed è meglio farla quando si è ancora freschi. In base al tempo il percorso può essere un pò scivoloso.

Arrivato al terzo rifugio avrai ancora una doppia possibilità, che spesso dipende dal tempo. Se il cielo è sereno allora dovrai vale la pena fare una deviazione e raggiungere “le Sommet Chinois” che rappresenta la vera cresta del vulcano e dalla quale si può avere una vista panoramica dell’isola. Altrimenti puoi continuare in direzione del secondo rifugio. Vedrai che questa sarà la parte più semplice prima di riprendere la discesa per arrivare al parcheggio.

Tieni in considerazione che questa parte dell’isola è spesso coperta da nuvole, il che rende difficile godersi il panorama. Il consiglio è quello di partire molto presto la mattina (cominciare il trekking verso le 7h) poiché le nuvole arrivano solitamente nel corso della mattinata. Ovviamente dipende anche dal periodo, io ci sono stato a dicembre e mi è stato riferito che è uno dei mesi più coverti dell’anno, quindi anche partendo presto non ho avuto molta fortuna.

Il vostro trekking può essere accompagnato da pioggia e vento forte, quindi ti consiglio vivamente di portare un “windstopper” o un “keeway” per rendere il tutto più gradevole.

Informazioni pratiche
Livello
  • Difficile

Durata
  • circa 4h30

Distanza
  • 6km

Dislivello +
  • 700m

2. SPIAGGE E SNORKELING

Tra le cose da fare in Martinica non si può di certo omettere il dolce far niente accompagnato da una nuotata con maschera e tubo. Esplorare il fondale e nuotare con le tartarughe marine, un’anteprima di quello che ti attende. Ecco un lista delle mie spiagge preferite.

Anse Dufour et Anse Noir

Martinique Anse Dufour turtle

Queste due spiagge sono l’una vicino all’altra ma completamente diverse. Vederle l’una dopo l’altra è un bel colpo d’occhio.

Anse Dufour è  la spiaggia dove poter vedere le tartarughe marine, anche se è possibile incontrarle a l’Anse D’Arlet. Questa spiaggia è molto piccola e, se arrivi dopo le 9h-9h30 si comincia a riempire e verso le 11h divetra sovraffollata. Il mio consiglio spassionnato è di arrivare molto presto prima che i barconi di turisti invadano la spiaggia e la possibilità di vedere questi magnifici rettili si ridurranno drasticamente.

L’anse noir è una spiaggia si sabbia nera con un bel fondale da esplorare facendo snorkeling.

Sono presenti strutture ristorative in loco.

Plage des Salines

Martinique Plage de salines

La plage des Salines è probabilmente la spiaggia più conosciuta della Martinica. La spiaggia di sabbia bianca, che si estende per più di 1km, è costeggiata da una fila di palme da un lato, e un mare cristallino dall’altra.

Anche se la spiaggia è molto grande è solitamente affollata. Ti consiglio di venirci la mattina presto prima che la folla di turisti prenda d’assalto il sito.

Questa parte di litorale è affiancata da una strada sulla quale troverai dei ristorantini dove poterti rifocillare, come “chez Nadiege et Serge“, dove potrai degustare pesce fresco o aragoste.

Anse Figuier

Martinique Anse Figuier

Anse Figuier è una spiaggia molto bella riservata soprattutto alle famiglie. E’ molto frequentata ma è veramente molto bella.

2 buoni ristoranti ti accoglieranno per poter mangiare con i piedi sulla spiaggia e vista mare. Se cerchi una giornata di relax e mangiare di fronte al mare ne vale la pena.

Anse du Diamant

Martinique Anse du Diamant

Anse du Diamant è molto conosociuta e attira molti turisti grazie all’isola, “rocher du Diamant”, che sta a meno di 2km dalla punta.

Lungo la costa avrai tutto quello che necessiti per rifocillarti, dormire o altro.

3. SURF

Una delle cose da fare in Martinica è sicuramente andare a vedere i surfisti o provare a fare surf. Molti sono gli spot che vantano di ottime condizioni, anche se non sempre semplici per i principianti. Di seguito trovi la spiagga dove si svolge il campionato nazionale di surf.

Tartane – Plage des Surfeurs

Martinique Plage de Surfeurs

Tartane è il villaggio più conosciuto per la pratica del surf. Varie baie si prestano alla pratica di quest’attività.

In particolare esistono due spot: Anse l’Etang e Anse Bonneville (conosciuta meglio come “plage des surfeurs”), l’uno vicino all’altro.

  • La plage de surfeurs è uno spot più tecnico dove però entrane le migliori onde. Per chi è alle prime armi può spingersi sulla destra, dove le onde sono meno grosse e si ha meno il rischio di finire contro il fondale roccioso.
  • Anse l’Etang è invece una spiaggia molto grande dove avrai anche un bagno pubblico, una doccia e due ristoranti. Lo spot è come se fosse diviso in tre grandi fasce, quella più a sinistra dedicata solo ai più esperti, quella al centro, la più grande e la più surfata, e quella a destra dove un’onda lunga e facile si adatta alle longboard e ai SUP.

La grande pecca di questi spot, ed in particolare a Anse l’Etang, è la grande distanza (quasi 800m) dalla spiaggia al punto in cui le onde sono surfabili. Il che vuol dire, per i principianti, arrivare che si è già esausti.

per maggiori info sul surf puoi visitare il sito GuideMartinique

4. KITESURF

Tra le cose da fare in Martinica ho infine inserito la pratica del kitesurf. Venti stabili e spot paradisiaci ti faranno venire voglia di provare o praticare questo sport incredibile.

Pointe Faula e Cap Chevalier

Martinique kite pointe faula

Se ti interessa il kitesurf non perderti la guida degli spot della Martinica che ho realizzato.

5. VIDEO DEL VIAGGIO

GRAZIE PER AVER LETTO